Marco Polo si rivela con il testamento

Il 9 gennaio 1324, il veneziano Marco Polo, settantenne in punto di morte, chiama il prete-notaio Giovanni Giustinian per dettare il testamento con la nomina della diletta moglie Donata Badoer e delle tre figlie - Fantina, Bellela e Moreta - "mie commissarie di fede" per l'esecuzione delle sue volontà. Un atto tutto al femminile, da metà '800 alla Biblioteca Nazionale Marciana, dettato da un uomo destinato a passare alla storia con il "Milione", il racconto del viaggio e della permanenza alla corte del Kublai Can in Cina, assieme al padre ed a uno zio. Il testamento, in pergamena di pecora, assieme all'attualità del suo protagonista è al centro del progetto editoriale curato dal Mibact, attraverso la Marciana, e da Scrinium, "Ego Marcus Paulo volo et ordino. I segreti del testamento di Marco Polo", un'opera, edita in versione bilingue italiano-inglese, in un soli 185 esemplari, e dedicata ad Alvise Zorzi.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Padova News
  2. Il Giornale di Vicenza
  3. Padova News
  4. Padova News
  5. Il Giornale di Vicenza

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Rossano Veneto

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...